• 14 Risposte
Il Monte Lussari è un gioiello d’incomparabile bellezza, da qui l’occhio può ammirare uno stupendo scenario naturale di cime svettanti e maestose. Oltre ad essere luogo d’interesse naturalistico, esso è anche un Santuario, il Santuario che accomuna il ceppo etnico slavo, italiano e tedesco. Già nel 16° secolo il Monte era meta di pellegrinaggi dei tre popoli; oggi esso può indubbiamente venir considerato un Santuario europeo. altareSecondo un’antica tradizione, nell’anno 1360 sul Lussari un pastore di Camporosso smarrì le sue pecore, che ritrovò poco dopo inginocchiate attorno ad un cespuglio di pino mugo. Con grande meraviglia egli si accorse che al centro del cespuglio si trovava la statuetta di una Madonna con Bambino. Egli la prese, la portò a valle e la consegnò al Parroco di Camporosso. La mattina seguente però la statua venne trovata nuovamente sul Lussari, nuovamente attorniata dalle pecore inginocchiate. Tale episodio si ripeté ancora una volta. Il Parroco quindi informò del fatto il Patriarca di Aquileia; questi ordinò che sul luogo in cui venne ritrovata la statua venisse costruita una cappella. Della cappella originaria non vi sono più tracce; essa venne invece sostituita nel 1500 dal coro attuale, tutto in pietra, compresa la volta. Nel 1760 la comunità dei fedeli Sloveni celebrò il 4° centenario del Santuario. Nel 1786 l’Imperatore d’Austria, Giuseppe II, vietò la celebrazione di qualsiasi funzione religiosa all’interno della chiesa. Essa venne chiusa, l’interno spogliato di tutti gli oggetti sacri ed i pellegrinaggi vietati. Ma già nel 1790 il successore, il fratello Leopoldo, fece annullare l’ordinanza: la Madonna poté così tornare nella sua dimora sul Monte Lussari. Nel 1807 un fulmine colpì e distrusse la parte lignea della chiesa: gli operosi fedeli la ricostruirono però in breve, ampliandola. thumb1Nel 1915 il Santuario venne a trovarsi sulle linee di combattimento della Grande Guerra. Il 16 settembre una bomba lanciata contro la chiesa causò un incendio, che la distrusse. Su ordine del Parroco, Padre Pio, la statua venne portata in salvo a valle dal custode della chiesa, Giovanni Kravina. Dal giorno di Pentecoste al mese di luglio essa venne conservata nella Canonica di Camporosso. Più tardi venne portata a Villach, Klagenfurt ed a Maribor, nella Basilica della Madonna delle Grazie. Nel settembre del 1920, inoltre, essa fu portata nella Chiesa dei Pellegrini della Santa Croce a Dravograd. Nell’agosto dell’anno successivo, infine, essa poté finalmente tornare a Camporosso. Il 24 giugno 1925 fece ritorno nella chiesetta sul Monte, che era stata nel frattempo ricostruita. Anche durante il secondo conflitto mondiale il Santuario rimase chiuso. La Vergine Maria trovò nuovamente riparo presso la canonica di Camporosso, ove rimase dall’agosto del 1943 sino all’ 11 agosto 1945, data in cui venne riportata nella sua dimora sul Lussari. Nel 1960 venne celebrato il 6° centenario del Santuario. In tale occasione la chiesa venne restaurata e vennero avviati molti lavori di ammodernamento alle case del Santuario. L’opera di ristrutturazione più importante coincide però con il Giubileo del 2000. Nell’occasione sono stati eseguiti notevoli lavori di manutenzione nel Santuario ed è stata completamente rinnovata la canonica. Il Lussari è sempre stato per la popolazione slovena il luogo di pellegrinaggio per eccellenza. L’interno della chiesa presenta dipinti pregevoli, opera del pittore sloveno Tone Kralj. Tra questi vi è la raffigurazione della Madonna Consolatrice degli afflitti, l’Annunciazione, la Fuga in Egitto, Gesù dodicenne nel Tempio, Maria in preghiera sotto la Croce e l’incoronazione della Vergine. La stagione dei pellegrinaggi estivi ha inizio a giugno, e termina la prima domenica di ottobre.

Ultima modifica:


14 Responses to “La storia”

    .........in qualsiasi stagione capiti di salire su questo monte................è davvero un posto unico.........per essere sinceri..veramente ci si rende conto delle meraviglie che Qualcuno ha creato..............si è vero ...lassù si tocca il cielo con un dito.......................... ci si sente in pace con se stessi........................

    Ieri, 15 gennaio 2015, sono salita al Santuario......c'era la neve ..non tantissima ...ma vedere questo luogo "bianco" è stata un'emozione.......incredibile........ il ciedo da coperto si è aperto ...ed è diventato di un azzurro ..favoloso.... si confermo che il luogo.....anche con la neve......è sempre un posto suggestivo ......ed unico

    Bellissimo posto mi ricordo quando ero militare a Ugovizza

    Bellissimo posto vorrei andarci!

    Sono in partenza il 1 giugno è la prima tappa di 3 giorni posto già visto come campo base sono a Bordano vicino Gemona

    Oggi ho 48 anni, da quando ne avevo 18 anni, questo posto mi entrò nel mio cuore, da quel giorno, quasi ogni anno ho cercato di farne ritorno.Ll'aria, l'altezza e tutto il circondale del Lussari, fa di questo monte una perla che merita di "vederla" almeno una volta nella vita. Con dolcezza, ricordo, agli inizi, le mucche facevano da corona in questo monte, ci si arrivava con la telecabina e si trovava questi meravigliosi animali a zonzo per il paese, libere a brucare l'erba e a riposare. Bellissimi ricordi che porto sempre dentro di me!!!!

    Non lo conoscevo, me ne ha parlato mio cugino che c'è stato... e' veramente bello... per me che sono di Palermo è come vedere il Tibet...

    Luogo che frequento da anni per le mie escursioni. Mi manca soltanto di notte e con la nebbia... Il sentiero del Pellegrino ha un "modesto impegno". Il panorama poi in cima... È proprio vero quello che dice il pieghevole ritirabile nel santuario: qui dove il cielo è più vicino... E io aggiungerei anche il Signore...

    Madonnina cara metti sotto la tua protezione i miei figli e la mia Benedetta e proteggi il mio Renato Regina della Pace Prega per noi Gesù e Mria vi Amo vi Adoro Così Sia Amen

    Ci sono stata due settimane fa.......è favoloso, sia il posto, sia la natura attorno e il paesaggio spettacolare, sia il raccoglimento in preghiera nel santuario.

    Da più di trent'anni faccio un capatina. E' di una magnificenza unica. La prima volta siamo arrivati in cima a piedi con la mia famiglia partendo da Camporosso . Ma la fatica e' stata compensata da uno spettacolo a trecentosessanta gradi .

    Conosco il posto da diversi anni e posso solo confermare quanto detto da altri, aggiungo che dal 2010 con un gruppo di amici camminatori veniamo quì in pellegrinaggio dal santuario di Madonna di Rosa ( S.Vito al tag.to ) . Attraversare il Friuli da sud-ovest a nord-est per circa 130 km. a piedi è un'esperienza unica . Il nostro pellegrinaggio si chiama " cammino rosa " . Mandi

    bello, bello, posto indescrivibile, bisogna andarci per capire

    Ci sono stata con mio marito e ne ho un ricordo fantastico: ora mio marito non c'è più e in un momento mio di difficoltà ho ritrovato,vicino al mio letto, l'immaginetta della madonna di Lussari che avevo dimenticato d'avere. Nei momenti miei di difficoltà, mio marito si fa sempre presente con qualche punto di nostro riferimento. Da oggi pregherò la madonna di Lussari che sarà costantemente nei miei pensieri. Mariella Ardizzone Amore. Palermo 2016

  • E tu, cosa ne pensi?